Zanzare alla larga con piante e odori naturali

Estate fa rima con punture? Purtroppo tra le tante gioie di questa bella stagione c’è anche qualche inconveniente, e le care zanzarine sono tra questi. Una piccola curiosità che forse in molti non conoscono è che a pungerci sono sempre e solo le zanzare femmine già fecondate, che hanno bisogno del nostro sangue perché l’emoglobina è per loro necessaria allo sviluppo delle uova. I maschietti invece preferiscono il nettare dei fiori. Risparmiandovi – seppure ne sarei tentata – di imbarcarmi in un’apologia della povera mamma zanzara che deve garantire la sopravvivenza ai suoi piccini, andiamo a vedere come garantire invece ai nostri di non risvegliarsi pieni di quei gonfiori pruriginosi che il nostro sistema immunitario dà in risposta all’anticoagulante contenuto dalla saliva delle zanzare.

Le piante L’alternativa più naturale sono ovviamente le piante. Avere in casa o in giardino gerani, lavanda, citronella, eucalipto, basilico, rosmarino, menta, timo, calendula e melissa ci permette di allontanare le zanzare e avere aria fresca nei nostri ambienti. Ottima anche la catambra, che grazie alla grande quantità di catalpolo presente nelle sue foglie emette un aroma che noi non sentiamo ma dal quale le zanzare scappano a zampe levate

Oli essenziali sempre derivati dalle piante, sono un aiuto importante per salvarsi dalle punture delle quasi settanta specie di zanzare pronte a pungerci in Italia. Attenzione, sebbene io li usi anche per la mia piccolina di due anni e mezzo alcuni bambini sotto i cinque anni sono estremamente sensibili a questi odori forti e potrebbero avere piccole reazioni allergiche. Diluite gli oli essenziali in un po’ di olio di mandorle, per rendere l’odore meno intenso. Io trovo efficacissima la lavanda, seguita da legno di cedro, limone, citronella, patchouli, erba gatta e tea tree. Al primo posto si posiziona però l’olio di neem, che ho conosciuto da poco tempo ma ha già superato tutti i test contro le zanzare più agguerrite. Ho comprato cerottini già intrisi di olio, da applicare sui vestiti, e mi trovo molto bene. Tra l’altro anche il National Institute of Malaria Research indiano ha confermato che l’olio di neem sarebbe più efficace del dietiltoluamide, la sostanza presente nei repellenti in commercio. Se volete nebulizzare sul corpo gli oli essenziali, è possibile diluirne 40 o 50 gocce in 20 millilitri di alcol e 70 millilitri di acqua distillata che potete mettere in un contenitore con nebulizzatore. Altra buona ricetta è questa: 40-50 gocce di uno o più oli essenziali sciolti in acqua di amamelide, acqua distillata o bollita e glicerina.Riempite il flacone spray fino a metà con l’acqua, aggiungete l’acqua di amamelide fino a mezzo dito dall’orlo, aggiungete mezzo cucchiaino di glicerina vegetale e le gocce di oli essenziali. Agitate spruzzate abbondantemente.

Foglie e baccelli Madre Natura ci offre prodotti già pronti da strofinare addosso, senza diluire e nebulizzare nulla. Sfregare sul corpo baccelli di vaniglia,  foglie di artemisia, bergamotto, salvia, assenzio, comptonia o ananas difende per un’ora dal raid aereo delle zanzare

Candela alla citronella (o altri oli essenziali) Questa la conosciamo tutti. Ma voi sapreste farla in casa? Non è difficile, basta procurarsi un paio di tazze di cera di soia in scaglie, olio essenziale di citronella, uno stoppino con ferma stoppino, un bastoncino e un barattolo da usare come portacandele. Come prima cosa fissate lo stoppino nel ferma stoppino e inseritelo nel contenitore arrotolato intorno a un bastoncino di legno poggiato orizzontalmente sul bordo del portacandele, per evitare che scivoli via. Sciogliete la cera a bagnomaria o in un pentolino a fuoco bassissimo, continuando a mescolare finché non sarà tutta sciolta. A questo punto potete aggiungere 40 gocce di olio essenziale, amalgamare e versare nel contenitore. Dopo circa un’ora potete già accorciare lo stoppino e usare. Ovviamente

Rimedi fatti in casa Un buon repellente sono anche le due accoppiate aceto di vino-fette di limone e fette di cipolla-chiodi di garofano, semplicemente messi dentro bicchieri da lasciare sul davanzale. L’odore di questi ingredienti è molto sgradito alle zanzare, che non si avvicineranno.

Questi i miei rimedi. Se avete altri consigli scriveteli pure come commento a questo post per allungare la lista di metodi naturali e sicuri per goderci l’estate al riparo dalle punture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: